Psicologia e metafora Astrologica

โ€œ๐ธฬ€ ๐‘›๐‘œ๐‘ก๐‘œ ๐‘โ„Ž๐‘’ ๐‘™๐‘Ž ๐‘ ๐‘๐‘–๐‘’๐‘›๐‘ง๐‘Ž ๐‘๐‘œ๐‘š๐‘–๐‘›๐‘๐‘–๐‘œฬ€ ๐‘๐‘œ๐‘› ๐‘™๐‘’ ๐‘ ๐‘ก๐‘’๐‘™๐‘™๐‘’, ๐‘›๐‘’๐‘™๐‘™๐‘’ ๐‘ž๐‘ข๐‘Ž๐‘™๐‘– ๐‘™โ€™๐‘ข๐‘š๐‘Ž๐‘›๐‘–๐‘ก๐‘Žฬ€ ๐‘ ๐‘๐‘œ๐‘๐‘Ÿ๐‘–ฬ€ ๐‘™๐‘’ ๐‘‘๐‘œ๐‘š๐‘–๐‘›๐‘Ž๐‘›๐‘ก๐‘– ๐‘‘๐‘’๐‘™๐‘™โ€™๐‘–๐‘›๐‘๐‘œ๐‘›๐‘ ๐‘๐‘–๐‘œ, ๐‘”๐‘™๐‘– โ€œ๐‘‘๐‘’ฬ€๐‘–โ€, ๐‘๐‘œ๐‘ ๐‘–ฬ€ ๐‘๐‘œ๐‘š๐‘’ ๐‘™๐‘’ ๐‘๐‘–๐‘ง๐‘ง๐‘Ž๐‘Ÿ๐‘Ÿ๐‘’ ๐‘ž๐‘ข๐‘Ž๐‘™๐‘–๐‘ก๐‘Žฬ€ ๐‘๐‘ ๐‘–๐‘๐‘œ๐‘™๐‘œ๐‘”๐‘–๐‘โ„Ž๐‘’ ๐‘‘๐‘’๐‘™๐‘™๐‘œ ๐‘ง๐‘œ๐‘‘๐‘–๐‘Ž๐‘๐‘œ: ๐‘ข๐‘›๐‘Ž ๐‘๐‘Ÿ๐‘œ๐‘–๐‘’๐‘ง๐‘–๐‘œ๐‘›๐‘’ ๐‘๐‘œ๐‘š๐‘๐‘™๐‘’๐‘ก๐‘Ž ๐‘‘๐‘’๐‘™๐‘™๐‘Ž ๐‘๐‘Ž๐‘Ÿ๐‘Ž๐‘ก๐‘ก๐‘’๐‘Ÿ๐‘œ๐‘™๐‘œ๐‘”๐‘–๐‘Ž. ๐ฟโ€™๐ด๐‘ ๐‘ก๐‘Ÿ๐‘œ๐‘™๐‘œ๐‘”๐‘–๐‘Ž ๐‘’ฬ€ ๐‘ข๐‘›โ€™๐‘’๐‘ ๐‘๐‘’๐‘Ÿ๐‘–๐‘’๐‘›๐‘ง๐‘Ž ๐‘๐‘Ÿ๐‘–๐‘š๐‘œ๐‘Ÿ๐‘‘๐‘–๐‘Ž๐‘™๐‘’ ๐‘ ๐‘–๐‘š๐‘–๐‘™๐‘’ ๐‘Ž๐‘™๐‘™โ€™๐‘Ž๐‘™๐‘โ„Ž๐‘–๐‘š๐‘–๐‘Ž. ๐‘‡๐‘Ž๐‘™๐‘– ๐‘๐‘Ÿ๐‘œ๐‘–๐‘’๐‘ง๐‘–๐‘œ๐‘›๐‘– ๐‘ ๐‘– ๐‘Ÿ๐‘–๐‘๐‘’๐‘ก๐‘œ๐‘›๐‘œ ๐‘ ๐‘’๐‘š๐‘๐‘Ÿ๐‘’ ๐‘‘๐‘œ๐‘ฃ๐‘’ ๐‘™โ€™๐‘ข๐‘œ๐‘š๐‘œ ๐‘ก๐‘’๐‘›๐‘ก๐‘Ž ๐‘‘๐‘– ๐‘’๐‘ ๐‘๐‘™๐‘œ๐‘Ÿ๐‘Ž๐‘Ÿ๐‘’ ๐‘ข๐‘›๐‘Ž ๐‘ฃ๐‘ข๐‘œ๐‘ก๐‘Ž ๐‘œ๐‘ ๐‘๐‘ข๐‘Ÿ๐‘–๐‘ก๐‘Žฬ€ ๐‘’ ๐‘–๐‘›๐‘ฃ๐‘œ๐‘™๐‘œ๐‘›๐‘ก๐‘Ž๐‘Ÿ๐‘–๐‘Ž๐‘š๐‘’๐‘›๐‘ก๐‘’ ๐‘™๐‘Ž ๐‘Ÿ๐‘–๐‘’๐‘š๐‘๐‘–๐‘’ ๐‘‘๐‘– ๐‘“๐‘–๐‘”๐‘ข๐‘Ÿ๐‘Ž๐‘ง๐‘–๐‘œ๐‘›๐‘– ๐‘ฃ๐‘–๐‘ฃ๐‘’.โ€
๐ถ. ๐บ. ๐ฝ๐‘ข๐‘›๐‘”

Lโ€™astrologia รจ sempre stata al centro delle riflessioni dellโ€™essere umano. Fin dalle sue origini, lโ€™uomo ha volto lo sguardo al cielo proiettando le proprie energie psichiche sui corpi astrali, mentre, nella mitologia le immagini sono state proiettate in racconti e leggende.
Secondo Jung, nellโ€™astrologia sono condensate tutte le conoscenze psicologiche dellโ€™antichitร . In modo intuitivo, i dodici segni dello zodiaco diventano un compendio delle realtร  psichiche. Costituiscono ciรฒ che Jung chiamรฒ โ€œarchetipiโ€œ, ovvero schemi o modelli psicologici che popolano lโ€™inconscio collettivo.
Lโ€™astrologia, quindi, rappresenta lโ€™autentica proiezione dellโ€™inconscio collettivo.

di Valentina Marra

Lโ€™Astrologia in psicoterapia: archetipi, miti e racconto

Urano e la danza delle stelle, dipinto diย Karl Friedrich Schinkelย (1834)

Come scrive Paolo Quagliarella ,Astrologo, Docente di Epistemologia II ,Counselor Olistico :

Perchรฉ lโ€™astrologia dovrebbe dirci qualcosa di noi? Come fa a descriverci? Cโ€™รจ qualcosa in comune, allora, fra il cielo e lโ€™uomo?


Parto dallโ€™ultima domanda: sรฌ, cโ€™รจ qualcosa di comune tra i pianeti nel cielo e lโ€™uomo. Ma non รจ un rapporto di causa ed effetto, non sono i pianeti che ci descrivono. Siamo noi uomini che proiettiamo le nostre aspettative verso di loro.

โ€œLe costellazioni astrologiche raffigurano quelli che noi chiamiamo gli archetipi dellโ€™inconscio collettivo. Sono immagini degli archetipi proiettate nel cielo. lโ€™oroscopo della nascita raffigura una particolare combinazione individuale di elementi archetipiciโ€ย (Marie-Louise von Franz, La morte e i sogni).


Ma il passaggio fondamentale lo esplicita Carl Gustav Jung nello spiegare lโ€™astrologia, rendendo responsabile lโ€™uomo del suo funzionamento, รจ il seguente:
โ€œEโ€™ come se lโ€™anima umana fosse costituita di qualitร  provenienti dalle stelle; sembra che le stelle abbiano delle qualitร  che sโ€™inseriscono bene nella nostra psicologia. ciรฒ accade in ragione del fatto che, originariamente, lโ€™astrologia era una proiezione sulle stelle della psicologia umana inconscia. In ciรฒ vi รจ una conoscenza stupefacente, che consciamente non possediamo, del funzionamento inconscio che appare in primo luogo nelle stelle piรน remote, le stelle delle costellazioni zodiacali. sembra che ciรฒ che possediamo, come conoscenza piรน intima e segreta di noi stessi, sia scritto nei cieli. per conoscere il mio carattere piรน individuale e piรน vero devo frugare i cieli, non riesco a vederlo direttamente in me stessoโ€ฆย โ€œ (C. G. Jung, Visioni).

Non ci fermiamo mai abbastanza ad analizzare queste parole di Jung, che utilizza il verbo โ€œsembraโ€: non cโ€™รจ certezza scientifica, appare allโ€™uomo in questo modo il valore dellโ€™astrologia,ย come seย (condizionale) ci fosse un influsso dei pianeti, delle costellazioni; invece รจ una nostra proiezione nel cielo: lโ€™uomo proietta i propri pensieri, i moti dellโ€™animo in cielo.
Dunque lโ€™astrologia funziona perchรฉ ci crediamo, in qualche modo entriamo in uno stato poetico; cโ€™รจ un abbassamento del livello di coscienza e abbiamo bisogno di immaginare per scoprire la nostra interioritร . Tutto ciรฒ che sโ€™inserisce dopo: la tecnica astrologica, il racconto mitologico, sono strumenti funzionali allโ€™introspezione.

La sincronicitร  e lโ€™astrologia, in parole semplici

La sincronicitร , quindi, che รจ la ricerca del senso degli avvenimenti che ci sembrano a-causali, puรฒ essere definita anche come un ulteriore strumento che il nostro cervello utilizza per spiegare queste proiezioni.
Ci sono i pianeti, cโ€™รจ lโ€™uomo: lโ€™uomo proietta le aspettative negli astri e quando scopre in sรฉ qualcosa di vero in questa relazione (lโ€™astrologia funziona, mi sta raccontando di me), qualcosa che lo scuote sin nelle fondamenta del proprio essere, come se ci fosse un non so che di magico e inspiegabile, interviene il concetto di sincronicitร  a cercare di dare un senso al vissuto interiore ed esteriore.

โ€œIlย caelum, dunque, รจ uno stato della mente. Visualizzatelo come un cielo notturno, disseminato dei corpi aerei degli Dei, le costellazioni astrologiche a un tempo bestiario e geometria, partecipi di tutte le cose del mondo come loro terreno immaginale. Ilย caelumย non ha luogo, beninteso, nella vostra testa, nella vostra mente; รจ piuttosto la vostra mente che si muove nel caelum, sfiora le costellazioni; il cranio spesso e capelluto che si apre per lasciare entrare piรน luce, la loro luce, rendendo possibile una nuova idea di ordine; unโ€™immaginazione cosmologica il cui penยฌsiero spiega il cosmo con le forme delle immaginiโ€ (J. Hillman, Fuochi Blu).

Cosa sono gli archetipi, e che relazione hanno con il tema natale?ย 

Gli archetipi sono per Jung delle forme vuote prive di contenuto, forme preesistenti di conoscenza che ci permettono di avere coscienza del mondo e di noi stessi. Possiamo pensare agli archetipi, in modo semplicistico, come a dei bicchieri dalle forme diverse, ma che non sono stati riempiti. Il soggetto puรฒ decidere se riempire i bicchieri di acqua, di vino, di sabbia e, nel momento in cui sceglierร  di farlo, diventaranno tali, ovvero un bicchiere di vino, di acqua o di sabbia, a seconda della scelta che avrร  effettuato. Diventano rappresentazioni o immagini archetipiche, la sua realtร , il vissuto della sua coscienza. Quello che fa la differenza รจ la scelta del soggetto. Cosa รจ allora il tema natale?

โ€œIl senso fondamentale dellโ€™oroscopo consiste nel fatto che, determinando le posizioni dei pianeti nonchรฉ le loro relazioni (aspetti) e assegnando i segni zodiacali ai punti cardinali, esso dร  un quadro della costituzione prima psichica e poi fisica dellโ€™individuo. Lโ€™oroscopo rappresenta dunque in sostanza un sistema delle qualitร  originarie e fondamentali del carattere di una persona e puรฒ essere considerato un equivalente della psiche individualeโ€ (C. G. Jung)
Il tema natale rappresenta, astronomicamente, la posizione dei pianeti sullo zodiaco nel giorno della nostra nascita ad una precisa ora e in unโ€™altrettanto specifica cittร . รˆ quindi un segno poichรฉ rappresenta in modo oggettivo una realtร .
Plotino ricordava che unโ€™anima che sโ€™incarna nasce, sceglie: i propri genitori, il proprio corpo, la propria sorte, ed un luogo per entrare nel mondo.

Il simbolo e il tema natale

Un uomo che guarda un albero puรฒ pensare che sia un semplice vegetale, ma nel momento in cui si spinge oltre con la fantasia, con il significato, proietta immagini personali legate ai suoi vissuti, alla sua cultura, puรฒ diventare un simbolo, qualcosa che unisce conscio e inconscio, che dร  un senso โ€œaltroโ€.
Jung ricorda che ci sono simboli/segni universali, ovvero che a prescindere dallโ€™esperienze del soggetto suscitano quella spinta verso lโ€™oltre tangibile della coscienza. La parola โ€œmadreโ€œ, in qualsiasi lingua venga scritta, o rappresentata attraverso un segno, รจ un segno-simbolo universale, cosรฌ come un occhio disegnato in un triangolo, per citare le sole immagini.

Il tema natale, di conseguenza, puรฒ essere una descrizione astronomica geocentrica del cielo di nascita, ma anche un sistema simbolico che puรฒ far apparire alla coscienza del soggetto la propria vita sotto lenti diverse. Peraltro il tema natale utilizza i Segni zodiacali, i Pianeti e ciascuno di loro รจ in stretta correlazione per nome, immagine a divinitร  a miti. Il mito per Jung รจ una delle espressioni principali dellโ€™inconscio.

Il tema natale รจ una rappresentazione di sรฉ

Se lโ€™oroscopo personale รจ un contenitore semantico di tutte queste informazioni, si presta benissimo ad essere un sistema simbolico, inoltre anche rappresentazione del Sรฉ junghiano, ovvero la meta del processo dโ€™individuazione, meta che sarร  sempre un faro, ma oggettivamente non raggiungibile. รˆ come se fosse un asintoto a cui lโ€™uomo tende allโ€™infinito, sulla strada del Sรฉ si compie la vita del soggetto. Il Sรฉ, il tema natale, puรฒ rappresentare le nostre aspirazioni, la nostra vita nel suo complesso, con gioie, dolori, scelte, รจ il nostro Sรฉ.

Sensazioni e percezioni: la libertร  di scelta

Quando pensiamo al grafico del tema natale, agli aspetti presenti e alle posizioni zodiacali, dobbiamo immaginare gli archetipi, forme vuote prive di contenuto, che possono manifestarsi in vite vissute diversamente, seppure nella medesima struttura archetipica ben definita che รจ il tema natale.
Il cielo di nascita, seppure identico in due soggetti, viene vissuto da ciascuno in maniera diversa perchรฉ sono le sensazioni provate da te che diventano percezioni organizzate e categorizzate dalla tua mente che riempie le forme archetipiche: i pianeti in un segno, ecc. Marte in Ariete sarร  lโ€™energia esplosiva, impulsiva, ma potrร  esplodere allโ€™esterno o implodere verso te stesso: introversione ed estroversione, il tipo di manifestazione prenderร  forma in funzione delle tue scelte individuali, in funzione dellโ€™organizzazione percettiva delle sensazioni. Tu puoi essere spinto a reagire, perchรฉ colpito da uno schiaffo oppure porgere lโ€™altra guancia, pur avendo Marte in Ariete, la scelta diventa la discriminante fondamentale sullโ€™uso di Marte, sulla sua rappresentazione archetipica, sulla mia realtร  che crei in quel momento, ma sempre allโ€™interno di un forma ben definita.
Il tuo libero arbitrio sta nel riempire diversamente la forma, con la tua percezione e le tue azioni conseguenti.

di Paolo Quagliarella

E la Psicologia?

Lโ€™astrologia come amplificazione della psicologia, diviene utile strumento per la spiegazione delle forze che operano nellโ€™individuo e nel mondo circostante.
Cosรฌ come scrive Jung:

โ€œ๐ผ๐‘™ ๐‘ ๐‘’๐‘›๐‘ ๐‘œ ๐‘“๐‘œ๐‘›๐‘‘๐‘Ž๐‘š๐‘’๐‘›๐‘ก๐‘Ž๐‘™๐‘’ ๐‘‘๐‘’๐‘™๐‘™โ€™๐‘œ๐‘Ÿ๐‘œ๐‘ ๐‘๐‘œ๐‘๐‘œ ๐‘๐‘œ๐‘›๐‘ ๐‘–๐‘ ๐‘ก๐‘’ ๐‘›๐‘’๐‘™ ๐‘“๐‘Ž๐‘ก๐‘ก๐‘œ ๐‘โ„Ž๐‘’, ๐‘‘๐‘’๐‘ก๐‘’๐‘Ÿ๐‘š๐‘–๐‘›๐‘Ž๐‘›๐‘‘๐‘œ ๐‘™๐‘’ ๐‘๐‘œ๐‘ ๐‘–๐‘ง๐‘–๐‘œ๐‘›๐‘– ๐‘‘๐‘’๐‘– ๐‘๐‘–๐‘Ž๐‘›๐‘’๐‘ก๐‘– ๐‘›๐‘œ๐‘›๐‘โ„Ž๐‘’ฬ ๐‘™๐‘’ ๐‘™๐‘œ๐‘Ÿ๐‘œ ๐‘Ÿ๐‘’๐‘™๐‘Ž๐‘ง๐‘–๐‘œ๐‘›๐‘– (๐‘Ž๐‘ ๐‘๐‘’๐‘ก๐‘ก๐‘–) ๐‘’ ๐‘Ž๐‘ ๐‘ ๐‘’๐‘”๐‘›๐‘Ž๐‘›๐‘‘๐‘œ ๐‘– ๐‘ ๐‘’๐‘”๐‘›๐‘– ๐‘ง๐‘œ๐‘‘๐‘–๐‘Ž๐‘๐‘Ž๐‘™๐‘– ๐‘Ž๐‘– ๐‘๐‘ข๐‘›๐‘ก๐‘– ๐‘๐‘Ž๐‘Ÿ๐‘‘๐‘–๐‘›๐‘Ž๐‘™๐‘–, ๐‘’๐‘ ๐‘ ๐‘œ ๐‘‘๐‘Žฬ€ ๐‘ข๐‘› ๐‘ž๐‘ข๐‘Ž๐‘‘๐‘Ÿ๐‘œ ๐‘‘๐‘’๐‘™๐‘™๐‘Ž ๐‘๐‘œ๐‘ ๐‘ก๐‘–๐‘ก๐‘ข๐‘ง๐‘–๐‘œ๐‘›๐‘’ ๐‘๐‘Ÿ๐‘–๐‘š๐‘Ž ๐‘๐‘ ๐‘–๐‘โ„Ž๐‘–๐‘๐‘Ž ๐‘’ ๐‘๐‘œ๐‘– ๐‘“๐‘–๐‘ ๐‘–๐‘๐‘Ž ๐‘‘๐‘’๐‘™๐‘™โ€™๐‘–๐‘›๐‘‘๐‘–๐‘ฃ๐‘–๐‘‘๐‘ข๐‘œ. ๐ฟโ€™๐‘œ๐‘Ÿ๐‘œ๐‘ ๐‘๐‘œ๐‘๐‘œ ๐‘Ÿ๐‘Ž๐‘๐‘๐‘Ÿ๐‘’๐‘ ๐‘’๐‘›๐‘ก๐‘Ž ๐‘‘๐‘ข๐‘›๐‘ž๐‘ข๐‘’ ๐‘–๐‘› ๐‘ ๐‘œ๐‘ ๐‘ก๐‘Ž๐‘›๐‘ง๐‘Ž ๐‘ข๐‘› ๐‘ ๐‘–๐‘ ๐‘ก๐‘’๐‘š๐‘Ž ๐‘‘๐‘’๐‘™๐‘™๐‘’ ๐‘ž๐‘ข๐‘Ž๐‘™๐‘–๐‘ก๐‘Žฬ€ ๐‘œ๐‘Ÿ๐‘–๐‘”๐‘–๐‘›๐‘Ž๐‘Ÿ๐‘–๐‘’ ๐‘’ ๐‘“๐‘œ๐‘›๐‘‘๐‘Ž๐‘š๐‘’๐‘›๐‘ก๐‘Ž๐‘™๐‘– ๐‘‘๐‘’๐‘™ ๐‘๐‘Ž๐‘Ÿ๐‘Ž๐‘ก๐‘ก๐‘’๐‘Ÿ๐‘’ ๐‘‘๐‘– ๐‘ข๐‘›๐‘Ž ๐‘๐‘’๐‘Ÿ๐‘ ๐‘œ๐‘›๐‘Ž ๐‘’ ๐‘๐‘ข๐‘œฬ€ ๐‘’๐‘ ๐‘ ๐‘’๐‘Ÿ๐‘’ ๐‘๐‘œ๐‘›๐‘ ๐‘–๐‘‘๐‘’๐‘Ÿ๐‘Ž๐‘ก๐‘œ ๐‘ข๐‘› ๐‘’๐‘ž๐‘ข๐‘–๐‘ฃ๐‘Ž๐‘™๐‘’๐‘›๐‘ก๐‘’ ๐‘‘๐‘’๐‘™๐‘™๐‘Ž ๐‘๐‘ ๐‘–๐‘โ„Ž๐‘’ ๐‘–๐‘›๐‘‘๐‘–๐‘ฃ๐‘–๐‘‘๐‘ข๐‘Ž๐‘™๐‘’.โ€